Inizio caridinaio - post di pegi del 18 ott 2017, 14:34
dimensioni Caridinaio...delucidazioni - post di satriani90 del 18 ott 2017, 10:21
Otocinclus con Red Cherry - post di lilyth1 del 17 ott 2017, 13:20
Obiettivo: caridinaio - post di satriani90 del 16 ott 2017, 07:52
dosaggio Shrimplab NeoCaridina GH/KH+ Minerals - post di satriani90 del 14 ott 2017, 18:16
Info allevamento cantonensis - post di satriani90 del 10 ott 2017, 15:09
Riconoscimento e selezione - post di satriani90 del 07 ott 2017, 08:26
Cambarellus patzcuarensis blu - post di stefano1795 del 07 ott 2017, 02:14
È una planaria? - post di minimo87 del 04 ott 2017, 22:22
consiglio schermatura filtro - post di satriani90 del 04 ott 2017, 18:04
La Guida Tascabile di Caridine.it - 4° edizione - post di andrigo del 01 ott 2017, 22:45
Sera salt mineral con caridine - post di satriani90 del 25 set 2017, 18:47
Caridinaio avviato ma senza muschio AIUTATEMII - post di satriani90 del 16 set 2017, 17:08
Aiuto Riconoscimento - post di satriani90 del 15 set 2017, 08:15
Red cherry: uova non si schiudono - post di satriani90 del 14 set 2017, 14:01
Nuovo fondo e caridine - post di satriani90 del 13 set 2017, 16:04
Sulawesian Rock - post di marcello del 13 set 2017, 11:30
Sbagliando si impara...o no? - post di ErVito del 13 set 2017, 09:19
Dove sono le mie caridine? - post di satriani90 del 11 set 2017, 12:58

Caridina Spongicola

scritto da Marco Sitzia il 01 ottobre 2010 (ultimo aggiornamento: 11 giugno 2013)

BIOLOGIA ED ECOLOGIA

Durante un intensiva campionatura specifica del substrato nel sistema dei laghi Malili nel 2003, 2004, e 2005, la Caridina Spongicola è stata ritrovata esclusivamente in spugne d’acqua dolce,attualmente non ancora descritte, del subordine Spongillina. Questa cresce nello sbocco del lago Towuti a 2-5 m di profondità. I gamberetti vivono sulle spugne o all’interno dei loro osculi (l'orifizio dell'apparato digerente delle spugne attraverso il quale fuoriesce l'acqua aspirata dai pori).

Una preliminare analisi del contenuto intestinale è stata effettuata per studiare la dieta di questo gamberetto. Secondo questi autori, nessuno degli intestini sezionati conteneva tracce di spicole porifere. Queste spicole sono presumibilmente troppo grandi per essere consumate dal gambero. D'altra parte, una varietà di diatomee, che forse si accumulano nella o all’interno della spugna, è stata trovata nel apparato digerente dei gamberetti. Questi risultati suggeriscono che i gamberetti non si nutrano dei tessuti della spugna, e dunque non parassitino il loro ospitante. Invece, sembra che siano piuttosto dei commensali della spugna e usino le cavità come rifugio e l'accumulo interno di diatomee come una fonte di cibo.



"The Raffles Bulletin of Zoology 2009" (pag. 406)


"The Raffles Bulletin of Zoology 2009" (pag. 406)

DISTRIBUZIONE

La Caridina Spongicola è endemica del lago Towuti e al momento è conosciuta solo nella foce (Towuti outlet bay) dove si trovano le spugne che la ospitano.


"The Raffles Bulletin of Zoology 2009" (pag. 406)


PROFILO DEI COLORI

Il carapace della Caridina Spongicola presenta tre bande trasversali marrone scuro, le prime due di solito sono marcate nella superficie dorsale a delineare una banda a forma di n nella visuale laterale. Parte anteriore del cefalotorace, peduncoli antennulari, base delle antenne e rostro posteriore presentano la stessa pigmentazione, mentre il rostro anteriore, le antenne e le antennule distali sono, per lo più, prive di pigmentazione. Il primo e secondo periopodo sono bianchi con bande marroni, addome con una notevole striscia bianca che si espande lateralmente lungo ogni lato, dorsalmente risulta densamente coperto di fasce di colore marrone scuro, tranne per una macchia bianca sul terzo sterno, ventralmente marrone uniforme. Gli uropodi hanno una caratteristica banda marrone negli endopodi distali, endopodi e esopodi presentano invece delle estremità pigmentate di bianco. I pleopodi e il telson sono privi di colorazione. Le uova sono, di solito, marron scuro e ogni femmina di solito produce circa 12-18 uova. Questo profilo di colori rimane visibile anche se il gamberetto è sotto stress, l’intensità del colore però sfuma leggermente.


Fonte
"The Raffles Bulletin of Zoology 2009" (pag. 343 - 452)
Kristina von Rintelen e Yixiong Cai
Revision of Caridina from ancient lakes of Sulawesi



© Caridine.it

Copyright © 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 Caridine.it
Tutte le immagini, i nomi, i loghi e i marchi utilizzati in questo sito sono Copyright e TM dei rispettivi proprietari.
Caridine.it - http://www.caridine.it - non e' legato in alcun modo con aziende e/o organizzazioni.
Questo sito web non rappresenta una testata giornalistica perche' viene aggiornato senza alcuna periodicita' fissa.
Non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.