dosaggio Shrimplab NeoCaridina GH/KH+ Minerals - post di pegi del 15 dic 2017, 23:43
Nuovo caridinaio da 30 litri appena avviato - post di ClaBosUD del 15 dic 2017, 22:30
Rili di diverso colore - post di satriani90 del 14 dic 2017, 19:25
Iniziamo!! - post di satriani90 del 13 dic 2017, 08:53
Caridinaio 30L - post di satriani90 del 12 dic 2017, 15:55
Aiuto!!!! - post di satriani90 del 06 dic 2017, 22:02
substrato inerte - post di satriani90 del 04 dic 2017, 12:59
Fertilizzante Seachem - post di Vinx70 del 04 dic 2017, 11:47
neritine e caridine - post di satriani90 del 29 nov 2017, 19:50
il potassio aumenta la conducibilità?? - post di satriani90 del 29 nov 2017, 09:28
zucchine lesse - post di Salvo AoC del 28 nov 2017, 10:58
Accoppiamento di Caridine - post di Salvo AoC del 28 nov 2017, 04:44
Planarie? - post di Salvo AoC del 27 nov 2017, 04:31
protocollo easy life red cherry yellow - post di satriani90 del 19 nov 2017, 09:18
Progetto Sulawesi - post di vincenzoenzo del 18 nov 2017, 00:08
Inizio caridinaio - post di satriani90 del 15 nov 2017, 19:39
sabbia per dennerli - post di marcello del 12 nov 2017, 18:56
Vermetti bianchi hanno invaso la mia nuova vasca.. - post di satriani90 del 07 nov 2017, 17:07
Valori acqua - post di Mauro73 del 04 nov 2017, 00:48

Caridina sp. Cantonensis var. Crystal Red

scritto da Caridine.it il 29 agosto 2008 (ultimo aggiornamento: 11 giugno 2013)


Esemplare di Francesco di Fazio - Foto di Giovanni Paoletti

Nome comune | Crystal Red, CRS, Red Bee

Nome scientifico | Caridina sp. cantonensis var. Crystal Red

Zona di Origine | Cina - Giappone

Dimensioni da adulte | 2.5 ~ 3.5 cm

Temperature ideali di allevamento | 20 ~ 25 °C

Valori dell'acqua | pH 6.5 ~ 7.0 - GH 4 ~ 6 - KH 2 ~ 4

La specie | Dal nome scientifico "Caridina sp. cantonensis" la Crystal Red è una selezione che in principio non presentava l'attuale colorazione a bande verticali rosso - bianco ma, attraverso selezioni e incroci di gamberetti che presentavano questa "anomalia", si è arrivati a riprodurre e commercializzare la specie. Occhi dal colore nero o rosso molto scuro.

Ci sono teorie discordanti sull'origine. Alcuni appassionati e studiosi considerano Crystal Red e Crystal Black appartenenti alla stessa specie: le prime che derivano direttamente dalle seconde. L'unica differenza è che le Crystal Red hanno il gene "rosso" dominante e quello "nero" recessivo mentre le Crystal Black presentano il "nero" dominante e il "rosso" recessivo: questo tipo di teoria quindi permetterebbe l'allevamento in vasca comune, senza pericoli di ibridazioni. Altra teoria è che entrambe le specie siano dirette discendenti di una mutazione avvenuta nel gruppo delle Serrata: in pratica Crystal Red e Crystal Black sono specie "sorelle". Questa seconda teoria ci sconsiglia quindi di far convivere le due specie onde evitare possibili ibridazioni.

Con il passare del tempo le selezioni sono diventate sempre più intense fino ad arrivare a linee di selezione pregiate e riconosciute universalmente. Naturalmente parliamo di linee commerciali, certificate e garantite. Ad esempio parliamo di alcune linee di Crystal Red denominate "PRL" (Pure Red Line) che per pattern, colori e intensità di quest'ultimi sono consideterate il top per qualunque appassionato.

La classificazione | Si consiglia di leggere questo articolo scritto da Carmelo Lino Famà (aka linus).

Riconoscere il sesso | Le femmine presentano una sacca ovarica di colore marrone scuro dietro il carapace (poco visibile in esemplare con colori intensi). Altra differenza, la più evidente, riguarda il ventre: negli esemplari femminili, è più "gonfio" rispetto ai maschi (che di norma sono anche di dimensioni inferiori) a causa del fatto che le uova, una volta fecondate, vengono spostate sotto l'addome. La colorazione è uguale in entrambi i sessi.


Esemplare e foto di Gennaro Lamba

Allevamento | La Crystal Red di norma predilige allestimenti "standard" (leggi gli articoli sull'allestimento di un caridinaio). Particolare attenzione invece va data alla qualità dell'acqua: la specie è sensibile ai fertilizzanti (soprattutto quelli a base di Ferro o Rame) e alla presenza in abbondanza di nitrati. Inoltre non sono consigliabili repentini cambi dei valori dell'acqua in quanto la specie è molto sensibile a queste variazioni.

Alimentazione | Mangime preconfezionato specifico per Caridine e NeoCaridine, verdure appena bollite (spinaci, carote, zucchine), alghe di ogni genere.

Riproduzione | Le Crystal Red per riprodursi hanno bisogno di un'acqua stabile: il filtro prima di tutto deve essere in perfette condizioni e sinonimo di "pulizia". Solo in queste condizione e valori uguali a quelli consigliati in precedenza vedremo la riproduzione di questa splendida specie: le femmine, dopo la fecondazione, spostano le uova, di colore marrone chiaro, sotto i pleopodi e dopo una ventina di giorni (il tempo dipende soprattutto dalla temperatura e dai valori dell'acqua) le uova si schiuderanno. Le larve saranno perfettamente autonome, nonostante i primi giorni di iniziale "intorpidimento" e la loro colorazione non del tutto "sviluppata" (solo con il tempo i veri colori verranno fuori).


Esemplare e foto di Gennaro Lamba

Note | Come risaputo, le Crystal Red necessitano di attenzioni e cure. Per questo motivo se ne consiglia l'allevamento ad appassionati con esperienza (si consiglia di iniziare con specie più "resistenti" e poi dedicarsi alle Crystal Red) ma soprattutto per non incappare in perdite e malattie. Per altre info si consiglia di consultare gli articoli e/o il Forum di Caridine.it.


Video di Antonio Villani tratto da YouTube


© Caridine.it

Copyright © 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 Caridine.it
Tutte le immagini, i nomi, i loghi e i marchi utilizzati in questo sito sono Copyright e TM dei rispettivi proprietari.
Caridine.it - http://www.caridine.it - non e' legato in alcun modo con aziende e/o organizzazioni.
Questo sito web non rappresenta una testata giornalistica perche' viene aggiornato senza alcuna periodicita' fissa.
Non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.