dosaggio Shrimplab NeoCaridina GH/KH+ Minerals - post di pegi del 15 dic 2017, 23:43
Nuovo caridinaio da 30 litri appena avviato - post di ClaBosUD del 15 dic 2017, 22:30
Rili di diverso colore - post di satriani90 del 14 dic 2017, 19:25
Iniziamo!! - post di satriani90 del 13 dic 2017, 08:53
Caridinaio 30L - post di satriani90 del 12 dic 2017, 15:55
Aiuto!!!! - post di satriani90 del 06 dic 2017, 22:02
substrato inerte - post di satriani90 del 04 dic 2017, 12:59
Fertilizzante Seachem - post di Vinx70 del 04 dic 2017, 11:47
neritine e caridine - post di satriani90 del 29 nov 2017, 19:50
il potassio aumenta la conducibilità?? - post di satriani90 del 29 nov 2017, 09:28
zucchine lesse - post di Salvo AoC del 28 nov 2017, 10:58
Accoppiamento di Caridine - post di Salvo AoC del 28 nov 2017, 04:44
Planarie? - post di Salvo AoC del 27 nov 2017, 04:31
protocollo easy life red cherry yellow - post di satriani90 del 19 nov 2017, 09:18
Progetto Sulawesi - post di vincenzoenzo del 18 nov 2017, 00:08
Inizio caridinaio - post di satriani90 del 15 nov 2017, 19:39
sabbia per dennerli - post di marcello del 12 nov 2017, 18:56
Vermetti bianchi hanno invaso la mia nuova vasca.. - post di satriani90 del 07 nov 2017, 17:07
Valori acqua - post di Mauro73 del 04 nov 2017, 00:48

Mangime in pellet fai da te

scritto da Mimmo Fonte il 04 dicembre 2008

Visto e considerato che il pellettato di una certa qualità non solo è difficile da reperire ma aimè ha anche dei costi non proprio economici (considerando anche la spedizione) a volte giustificati altre volte sinceramente no, ho pensato di farmelo da solo ottenendo due risultati: il primo è che il risparmio, soprattutto per me che gestisco tante vasche, è notevole; il secondo, ma forse il più importante, è quello di sapere cosa gli sto offrendo: inoltre posso intervenire sugli ingredienti in base anche alla specie che sto allevando, in modo da valutare meglio causa ed effetto.

N.B. Non ci assumiamo responsabilità per eventuali problemi sorti durante la somministrazione.

Per adesso sto ottimizzando sia i materiali da utilizzare che tempi di essicazione ma soprattutto la consistenza dell'impasto, che deve essere poco umido e ben omogeneo per poterlo in seguito trafilare meglio. Ho potuto constatare che con un cubetto grande di bieta ed uno e mezzo di spinaci (usate solo quelli congelati e già puliti che sono più controllati) ed altri pochi ingredienti ho ottenuto il quantitativo di pellet utile per la gestione di due mesi di una singola vasca.

Gli ingredienti da utilizzare possono essere molteplici essendo la base principale costituita da verdura e, conoscendo a priori l'appetibilità maggiore di un vegetale da parte di quella determinata specie, possiamo aumentare, sempre in dosi bilanciate, tale ortaggio rispetto ad un altro: ad esempio per le Red Cherry possiamo aumentare sia il quantitativo di zucchina ma soprattuto di alimenti che contengono carotenoidi come la carota ed il peperone (ed eventualmente la paprika); per le Red Crystal invece aumenteremo l'apporto di spinaci e bieta ma anche di alghe marine (che si possono tranquillamente acquistare in panetti congelati nei negozi specializzati).

Gli ingredienti da inserire sempre sono la spirulina in polvere, le artemie decapsulate o i cycopz-eze ed eventualmente, se proprio vogliamo essere certosini, anche dei sali minerali che però non sono strettamente necessari.

Ovviamente come avrete potuto capire si possono aggiungere tanti altri ingredienti personalizzando anche la ricetta starà poi a noi, con l'esperienza, cercare il dosaggio più opportuno senza mai esagerare.

Per la parte tecnica occorre...

- un passatutto con la griglietta inferiore a fori piccoli;
- una siringa bella grande o se l'avete una di quelle da biscotti che ha i beccucci intercambiabili;
- una scodella per impastare gli ingredienti;
- un foglio di carta oleata da forno.

Gli ingredienti che di solito uso per fare il mio pellettato sono...

- spinaci e biete in cubetti congelati;
- carote;
- piselli;
- spirulina in polvere;
- artemie decapsulate;
- axastantina;
- alghe marine.

Preparazione

Per poter ottenere almeno un 90 gr di pellettato dobbiamo mettere a bollire almeno 3 cubotti di bieta, 4 di spinaci un mezzo panetto di alghe marine congelate ed un buon quantitativo di carote (per queste ultime vi potete regolare ad occhio). Poichè gli spinaci, le biete e le alghe in seguito vanno ben strizzati, ho preferito bollire le carote a parte.

Una volta che il tutto è stato ben sbollentato si scolano per bene le verdure ed una volta raffredate si procede ad eliminare, strizzandole con le mani, il residuo di acqua che contengono quindi procederemo allo stesso modo con le carote.

Fatto questo mettiamo gli spinaci, le bietole e le alghe nel passaverdure e dopo un bel po di lavoro otterremo una purea che andremo ad aggiungere in seguito a quella di carote fino ad ottenre qualcosa del genere:


Uniamo alla purea gli altri ingredienti: la spirulina, l’axastantina, i sali minerali, le artemie decapsulate e mescoliamo per bene l’impasto con le mani.


Alla fine del nostro lavoro otterremo un impasto molto facile da lavorare come quello in foto:


Preriscaldiamo il forno a 50/70° e nel frattempo stendiamo un bel foglio da carta da forno sulla placca dello stesso. Se vogliamo ottenere piccoli pellet, prendiamo l’impasto e mettiamolo in una siringa di quelle belle grandi e facciamo tanti spaghetti su tutta la superficie; all’inizio potreste avere qualche difficoltà a mantenere una giusta continuità nel formarli ma poi ci farete la mano quindi mettete il tutto nel forno e lasciate essiccare il tutto per almeno 45/50 minuti.


Una volta essicati li potete spezzare della misura voluta.


Se invece volete fare dei bei quadretti o tagliolini stile Shirakura o Mosura allora procedete in questo modo: prendete l’impasto e stendetelo sulla carta oleata, mettete un altro foglio di carta oleata di pari misura e aiutandovi con un matterello da cucina stendete in modo omogeneo l’impasto fino ad ottenere un disco del genere.


Mettete il tutto nel forno ed attendete almeno 30 minuti che l’impasto si incominci ad essiccare (questo operazione e necessaria perché all’inizio non è facile partizionarlo) dopodiché tirate il tutto fuori dal forno ed aiutandovi con una rotella di quella per tagliare la pizza, procederete a tagliare sia in senso orizzontale che verticale (o solo in un senso se volete ottenere i classici tagliolini) fino ad ottenere tanti cubetti.



Rimettete il tutto nel forno e lasciate asciugare almeno per 1 ora o fino a quando il pellettato si sarà seccatto del tutto. Alla fine del lavoro dovreste ottenere qualcosa del genere:


Ecco come hanno risposto le CRS alla prova gourmet.



__________________________________________


Testo e immagini di Mimmo Fonte.
Per contattare l'autore di quest'articolo clicca qui.
Per domande, curiosità e altro visitate questo topic.


© Caridine.it

Copyright © 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 Caridine.it
Tutte le immagini, i nomi, i loghi e i marchi utilizzati in questo sito sono Copyright e TM dei rispettivi proprietari.
Caridine.it - http://www.caridine.it - non e' legato in alcun modo con aziende e/o organizzazioni.
Questo sito web non rappresenta una testata giornalistica perche' viene aggiornato senza alcuna periodicita' fissa.
Non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.