Filtro esterno con tubo di aspirazione - post di botzoo del 28 apr 2017, 22:59
Red cherry e Babaulti Green - post di lore89 del 28 apr 2017, 20:42
conduttività - post di rino9 del 27 apr 2017, 19:54
Mini acquario?? - post di rino9 del 23 apr 2017, 20:18
Caridine e betta. - post di rino9 del 18 apr 2017, 19:34
Caridine verdi e red cherry - post di rino9 del 16 apr 2017, 20:22
escrescenza tra gli occhi - post di rino9 del 16 apr 2017, 20:07
Red Crystal non si riproducono - post di rino9 del 16 apr 2017, 19:49
Cherax. - post di nib79 del 16 apr 2017, 18:15
55 litri Davidi Yellow Fire - post di HeadShot__94 del 15 apr 2017, 22:35
Cambio fondo allofano - post di redwhyte del 10 apr 2017, 16:32
Difficoltà con baby Taiwan Bee - post di Emisauro del 08 apr 2017, 10:54
Strane macchie sui vetri - post di Koreano del 06 apr 2017, 22:15
Descrizione vasca e richiesta consigli - post di darin del 06 apr 2017, 07:04
Mosura bt-9 dosaggi - post di daniud86 del 29 mar 2017, 20:55
Sostituisco Eden? - post di Sakurambo del 29 mar 2017, 11:40
è possibile una vasca in autogestione? - post di Sentoriu del 04 mar 2017, 20:32
Caridine ... qualcosa non va - post di shrimpred del 04 mar 2017, 12:56
Informazione convivenza e ibridazione - post di Pooka del 01 mar 2017, 16:36

Le ricette di Dedalus

scritto da Valentina Santini (aka Dedalus) il 11 dicembre 2012

Ciao ragazzi. Come saprete di questi ultimi tempi ho deciso di lanciarmi nella sperimentazione di alcune ricette per creare mangimi nuovi e salutari per le nostre piccole amiche, basandomi sullo studio dei mangimi prestigiosi che compriamo e su quelli che sembrano essere i loro gusti, in base soggettiva (dei gamberi) ma anche fisiologica.

Grazie all'aiuto di Alberico, abbiamo raccolto le ricette fino a creare un vero e proprio piccolo ricettario che spero di aggiornare sempre con ricette nuove da sperimentare: ci tengo a precisare che le ricette sono tutte state pubblicate dopo test di gradimento, quindi, a meno che le vostre caridine non abbiano gusti particolari, dovrebbero trovarle tutte molto appetibili.

Inoltre tutte le ricette sono volte al riutilizzo degli scarti delle nostre cucine, con spese per materie prime davvero limitate per rese molto alte. Insomma di questi tempi, riuscire a produrre tanto e buon cibo a prezzi limitati... è anche un vantaggio!

Ma ora veniamo alle ricette.


Wafer di zucca e spirulina
al profumo di mela e banana
(mangime base)



Tempo di preparazione | 60 minuti

Difficoltà | facile

Ingredienti

- scarti di zucca verde a polpa arancio dolce;
- 1 capsula di spirulina pura farmaceutica;
- 1 spicchio di mela cotta;
- 1 cucchiaino da tè di banana cotta;
- aminovita;
- eikoso;

Procedimento | Questa ricetta è perfetta quando cucinate la zucca, che come sappiamo ha molte parti di scarto. L'ideale sarebbe una zucca verde polpa arancio che sono molto morbide anche nella parte vicino alla buccia.

Prendete la parte interna quella vicino ai semi e un po' di scarti esterni ancora arancioni, insomma le cose che buttereste, e mettetele in una ciotolina. Togliete solo i semi e poi tritate tutto in pezzetti finissimi a coltello ma senza frullare, vedrete poi perché.

Aggiungete la fettina di mela e il cucchiaino di banana, entrambi cotti.

Fatta una specie di fine trito e bollitelo in poca acqua finché non diventa simile a una marmellata corposa. Io l'ho bollito in microonde, ma va benissimo anche il classico padellino. Diciamo che 10 minuti dovrebbero bastare per una ciotolina di composto.

Fatto ciò, prendete la ciotola e scolate gli eventuali residui di acqua. A questo punto prendete della spirulina, io ho usato quella pura in capsule presa in farmacia. Ho messo il contenuto di una capsula e mescolato bene finché il composto è diventato verde scuro uniforme. A questo punto ho aggiunto un po' di aminovita e eikoso, che rendono l'odore molto più gradevole e apportano vitamine.

Mescolato il tutto, stendete il composto sulla carta forno e mettete ad essiccare o in forno o a microonde. State attenti che essendo molto spugnoso come composto tende a bruciare facilmente. Controllatelo sempre.

Essiccato, tiratelo fuori dal forno e tagliatelo in pezzettini. L'impasto che ne risulta è un leggero wafer ricco di fibre e piccoli pezzettini di zucca morbidi che faranno la gioia delle vostre caridine perché potranno prenderli e consumarli tranquillamente in zone appartate della vasca senza lottare troppo con gli altri.

Raffreddato il tutto, servire alle nostre piccole amiche.


__________________________________________


Bocconcini di banana
(multivitaminico)



Tempo di preparazione | 60 minuti

Difficoltà | facile

Ingredienti

- 2 banane mature;

Procedimento | Prendete due banane e tagliatele a rondelle in una ciotola, poi schiacciatele con una forchetta fino a fare un pasticcio morbido. A questo punto mettete un piccolissimo goccio d'acqua e cuocetele o su fiamma bassa o in microonde.

Lasciate le banane finché non diventano simili a una marmellata morbida e solo allora tiratele fuori dal microonde/padellino. Mescolate bene e poi stendete il composto sulla carta forno. Non aggiungete nulla alle banane che sono già di per loro ricchissime di vitamine e sali minerali.

Rimettete nel microonde con funzione crisp (se ce l'avete) se no microonde a bassa potenza. O in alternativa in forno con ventola, sui 100°C. State molto attenti che la banana è infida nella cottura, appena vedete che imbrunisce (ossidandosi) tiratela fuori e controllate sia simile a una gelatina soda di frutta (sì le vecchie caramelle dei nonni, non quelle mollicce di oggi). Quando è così, avete finito la cottura. Lasciate il composto a essiccare all'aria, altrimenti si brucerà se resta ancora in forno. Se volete accelerare l'essiccazione mettetela su dello scottex e appoggiatela sul termosifone.

Seccata, non vi resta che tagliarla in bocconcini. Vi consiglio porzioni molto piccole perché in acqua tende a rigonfiarsi diventando circa il doppio del previsto. C'è di buono che non sporca e si mantiene compatta anche sul fondo. Per evitare che i bocconcini si appiccichino l'uno con l'altro, rotolateli in farina di riso e metteteli in un contenitore ermetico.

Questa ricetta è ideale come cibo energetico e multivitaminico, ovviamente non è da considerarsi un alimento base ma un qualcosa in più che possiamo dare ogni tanto alle nostre piccole. Una volta alla settimana è una gradita sorpresa per i nostri gamberi.


__________________________________________


Bocconcini di pesce e aglio
(altamente grasso e proteico)



N.B. Mangime adatto per A. Helena; ricetta è per stomaci (e nasi) forti.

Tempo di preparazione | 120 minuti

Difficoltà | media

Ingredienti

- 500 gr. pesce bianco o azzurro;
- 2 spicchi d'aglio;
- 5 o 6 sarde;
- 1 capsula di spirulina farmaceutica;
- 50 gr. farina 00;
- 1 confezione di "colla di pesce" per dolci;

Procedimento | Prendete il pesce bianco o azzurro, pulitelo e lavatelo. Io avevo del nasello surgelato e delle sarde fresche. Il nasello l'ho cotto per togliere eventuali batteri o altro e sminuzzato con una forchettina.

Poi ho preso le sarde (costano pochissimo 2.40 euro al Kg., e sono ricchissime di nutrienti e omega 3... Potete anche fare tutta la ricetta solo con le sarde) e le ho pulite fino a tenere solo i filetti. Non le ho cotte in quanto freschissime, ma se temete, dategli una passata in padella giusto per scottarle.

Preparato il pesce, tagliate a fettine 2 spicchi di aglio. Se siete deboli di stomaco, cuocetelo prima.Vi consiglio comunque l'uso di guanti.

Preparato il composto grossolano, mettetelo in una ciotola e frullatelo fino ad ottenere una pasta di pesce. Mettete ammollo la colla di pesce in acqua fredda per 10 min, tutta la confezione di 3 foglietti (12 grammi). Intanto fate scaldare un padellino con acqua, non mezzo litro come vi dice la confezione della colla di pesce, ma 2-3 dita di acqua. Strizzate la colla ammorbidita e mettetela a sciogliere nel padellino, mescolate, e quando è sciolta del tutto, versate nella pasta di pesce.

Mescolate benissimo l'impasto e sfruttate l'apporto di acqua per frullare ancora fino ad ottenere un passato di pesce, simile a un passato di verdure per intenderci, non troppo acquoso, ma nemmeno con troppe fibre. La colla di pesce aiuterà nella compattezza e nella conservazione del mangime.

Ottenuto un passato molto morbido, addensatelo con 50gr di farina 00. Mescolate bene che non ci siano grumi, versate piano. Fatto ciò aprite una capsula di spirulina pura in polvere e aggiungetela al composto. Mescolate finché non otterrete un color verdino freddo, tipo il gelato alla menta, uniforme.

A questo punto siete pronti per la cottura. Stendete il mangime su carta da forno, in una teglia, e poi mettete nel forno con solo la ventola accesa. Iniziate con 100°C poi salite pure sempre controllando la cottura. Fate cuocere piano e quando vedete che ha fatto una bella crosticina, abbassate e lasciate asciugare sugli 80-60°C.

Prelevate quando è ancora un pelino morbido e tagliate a quadratini. Lasciate asciugare bene in teglia per almeno 24h all'aria.

Questo mangime è da distribuire una volta alla settimana e come integrazione agli "sforzi" riproduttivi dei nostri gamberi. Dovrebbe inoltre saziare l'aggressività, limitando i fenomeni di cannibalismo, in quanto apporta proteine animali. L'aglio funge da ottimo antisettico e la spirulina apporta un valore nutritivo e salutare in più. Altro pregio di questo mangime è che risulta essere un ottimo cibo base per le A. Helena.


__________________________________________


Testo e foto di Valentina Santini (aka Dedalus).
Per contattare l'autore di quest'articolo clicca qui.
Per domande, curiosità e altro visitate questo topic.


© Caridine.it

Copyright © 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 Caridine.it
Tutte le immagini, i nomi, i loghi e i marchi utilizzati in questo sito sono Copyright e TM dei rispettivi proprietari.
Caridine.it - http://www.caridine.it - non e' legato in alcun modo con aziende e/o organizzazioni.
Questo sito web non rappresenta una testata giornalistica perche' viene aggiornato senza alcuna periodicita' fissa.
Non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.