Filtro esterno con tubo di aspirazione - post di botzoo del 28 apr 2017, 22:59
Red cherry e Babaulti Green - post di lore89 del 28 apr 2017, 20:42
conduttività - post di rino9 del 27 apr 2017, 19:54
Mini acquario?? - post di rino9 del 23 apr 2017, 20:18
Caridine e betta. - post di rino9 del 18 apr 2017, 19:34
Caridine verdi e red cherry - post di rino9 del 16 apr 2017, 20:22
escrescenza tra gli occhi - post di rino9 del 16 apr 2017, 20:07
Red Crystal non si riproducono - post di rino9 del 16 apr 2017, 19:49
Cherax. - post di nib79 del 16 apr 2017, 18:15
55 litri Davidi Yellow Fire - post di HeadShot__94 del 15 apr 2017, 22:35
Cambio fondo allofano - post di redwhyte del 10 apr 2017, 16:32
Difficoltà con baby Taiwan Bee - post di Emisauro del 08 apr 2017, 10:54
Strane macchie sui vetri - post di Koreano del 06 apr 2017, 22:15
Descrizione vasca e richiesta consigli - post di darin del 06 apr 2017, 07:04
Mosura bt-9 dosaggi - post di daniud86 del 29 mar 2017, 20:55
Sostituisco Eden? - post di Sakurambo del 29 mar 2017, 11:40
è possibile una vasca in autogestione? - post di Sentoriu del 04 mar 2017, 20:32
Caridine ... qualcosa non va - post di shrimpred del 04 mar 2017, 12:56
Informazione convivenza e ibridazione - post di Pooka del 01 mar 2017, 16:36

I gradi di selezione delle Crystal

scritto da Carmelo Lino Famà (aka linus) il 16 luglio 2010

Ho pensato di scrivere questo articolo, rivolgendomi al neofita e non, affrontando l’argomento dei gradi di selezione con una visione più occidentale (la classificazione, anche se rappresentata graficamente con il rosso è da considerarsi valida, oltre che per le Red Crystal anche per le Black Crystal).

Capita spesso di trovare nelle vasche dei negozi di acquari le famose Caridine Cantonensis “Crystal” e se le andiamo ad osservare da vicino possiamo notare alcuni particolari di questi interessanti invertebrati d’acqua dolce.

In primo luogo si può notare che non tutti gli esemplari presentano la stessa quantità di colore bianco sull’esoscheletro. Si possono vedere poi delle trasparenze o colori molto saturi, frutto di un accurata selezione. Infine una serie di disegni che rendono ancora più particolare questa specie.

Per tutte queste caratteristiche questi invertebrati vengono contrassegnati con dei gradi.
I giapponesi usano le lettere D, C, B, A, S, SS, SSS inserendo per i gradi più alti alcuni nomignoli frutto della loro fantasia come Hinomaru, No-entry sign ecc. Inoltre usano il simbolo aritmetico + per indicare vie di mezzo tra due gradi (per es. A+, SS+, ecc.).
La verità però è che pochi, nel nostro paese, sanno riconoscere il grado di selezione e i nomignoli e i simboli matematici fanno confondere ancora di più tutte quelle persone che intendono allevare questi stupendi invertebrati.
Più pratica la classificazione tedesca che prevede l’uso della lettera “K” con accanto un numero in base al grado di selezione. In questo articolo vengono quindi rappresentati i gradi su esempio della “scuola giapponese”.


Rappresentazione grafica dei gradi di selezione

Un’unica considerazione sul grado “D”: gli esemplari di questo grado sono quasi completamente di colore rosso (o nero). Nel caso migliore presentano piccole macchiette di colore bianco. Possono essere presenti le trasparenze.


Grado "D"



Grado "C"



Grado "B"



Grado "A"



Grado "S"



Grado "SS"



Grado "SSS"



Grado “SSSS” - MITO O REALTA’?

Sul web è riportata la notizia che esistono caridine SSSS anche chiamate “White Crystal” o "Golden". Pare che non sia vero perché il massimo grado ottenibile tramite selezione è la SSS con tracce anche molto piccole di colore rosso (o nero) sul cefalotorace, ma non assenti.



Le trasparenze

E’ importante sottolineare che dopo il grado B non troviamo trasparenze sul corpo di questi animali. In caso contrario tali animali vengono considerati, per convenzione, dei gradi B.



Gli "scarti" di selezione

Esistono anche casi in cui l’animale non presenta la classica colorazione ceramica, ma risulta piuttosto giallastra. Sono spesso presenti anche trasparenze, lievi o forti.
Si parla in questo caso di “scarti di selezione” che non possono essere considerati dei gradi precisi, in altre parole non sono classificabili. Inserire questi soggetti in mezzo ad altri con genetica migliore, solo perché definiti da chi li vende come SS o SSS, porta a peggiorare la qualità del nostro ceppo.



Crystal “sporche”

Questo termine viene utilizzato da molti appassionati quando su un gamberetto di un certo grado rimangono tracce delle caratteristiche del grado inferiore.
Un esempio, per capirci, può essere una Crystal di grado SSS che presenta, sul pleon, tracce di rosso o piccoli puntini rossi (o neri) ad esempio del No-Entry Sign della SS.
Tale animale non ha il valore economico di una SSS, ma inferiore.



I prodotti per intensificare la colorazione

Per intensificare i colori delle nostre crystal possiamo usare degli integratori. Io mi trovo bene con i prodotti Genchem.

In particolare, si può usare un prodotto a base di astaxantina, un carotenoide estratto generalmente da microalghe e responsabile della colorazione rossa dei crostacei. I carotenoidi non vengono sintetizzati dall’organismo, quindi è bene assumerli dall’esterno tramite integrazione. E’ ritenuto inoltre il più potente antiossidante al mondo, circa 500 volte più della vitamina E.

Per la colorazione bianca esistono integratori contenenti Sali minerali o composti inorganici come calcio e magnesio. Si trovano sotto forma di polveri o pellet . Sono usate anche pietre di montmorillonite, un minerale rinvenuto a Montmorillon (Francia) e ditte come la famosa Shirakura lo impiegano per la creazione di mineral stone.

Questi prodotti possono essere molto utili, ma è bene dire che se i nostri gamberetti non hanno una buona genetica e sono quindi presenti forti trasparenze non possiamo ottenere risultati miracolosi con polveri magiche. In questi casi è evidente una mancanza di selezione e possiamo solo inserire in vasca dei soggetti di genetica migliore o ripartire con un ceppo di buona genetica.


__________________________________________


Testo di Carmelo Lino Famà (aka linus) e disegni di Roberta Pagano.
Per contattare l'autore di quest'articolo clicca qui.
Per domande, curiosità e altro visitate questo topic.


© Caridine.it

Copyright © 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 Caridine.it
Tutte le immagini, i nomi, i loghi e i marchi utilizzati in questo sito sono Copyright e TM dei rispettivi proprietari.
Caridine.it - http://www.caridine.it - non e' legato in alcun modo con aziende e/o organizzazioni.
Questo sito web non rappresenta una testata giornalistica perche' viene aggiornato senza alcuna periodicita' fissa.
Non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.