Filtro esterno con tubo di aspirazione - post di botzoo del 28 apr 2017, 22:59
Red cherry e Babaulti Green - post di lore89 del 28 apr 2017, 20:42
conduttività - post di rino9 del 27 apr 2017, 19:54
Mini acquario?? - post di rino9 del 23 apr 2017, 20:18
Caridine e betta. - post di rino9 del 18 apr 2017, 19:34
Caridine verdi e red cherry - post di rino9 del 16 apr 2017, 20:22
escrescenza tra gli occhi - post di rino9 del 16 apr 2017, 20:07
Red Crystal non si riproducono - post di rino9 del 16 apr 2017, 19:49
Cherax. - post di nib79 del 16 apr 2017, 18:15
55 litri Davidi Yellow Fire - post di HeadShot__94 del 15 apr 2017, 22:35
Cambio fondo allofano - post di redwhyte del 10 apr 2017, 16:32
Difficoltà con baby Taiwan Bee - post di Emisauro del 08 apr 2017, 10:54
Strane macchie sui vetri - post di Koreano del 06 apr 2017, 22:15
Descrizione vasca e richiesta consigli - post di darin del 06 apr 2017, 07:04
Mosura bt-9 dosaggi - post di daniud86 del 29 mar 2017, 20:55
Sostituisco Eden? - post di Sakurambo del 29 mar 2017, 11:40
è possibile una vasca in autogestione? - post di Sentoriu del 04 mar 2017, 20:32
Caridine ... qualcosa non va - post di shrimpred del 04 mar 2017, 12:56
Informazione convivenza e ibridazione - post di Pooka del 01 mar 2017, 16:36

L'ambientamento delle Caridine e Neocaridine

scritto da Caridine.it il 29 agosto 2008

Come tutte le specie presenti nelle nostre vasche, anche i gamberetti hanno bisogno di un periodo di ambientamento quando devono essere trasferiti da una vasca all'altra. Essendo Caridine e Neocaridine molto sensibili ai cambiamenti repentini di valori e temperatura bisogna fare molto attenzione alle azioni da compiere quando li inseriamo in una nuova vasca. Quando acquistiamo dei gamberetti in negozi o anche on line (da allevatori italiani o esteri) dobbiamo fare i conti con il fatto che i nostri amati animaletti hanno subito uno stress non indifferente. Nei migliori dei casi hanno viaggiato per poche ore mentre in altri il viaggio può essere durato anche una settimana: in ogni caso comunque bisogna essere molto attenti e delicati nelle azioni che compiamo.

Fase 1 | In caso di acquisto on line, quando riceviamo l'imballo in polistirolo contenente i gamberetti bisogna aprirlo con cura, magari aiutandosi con un taglierino per tagliare (scusate il gioco di parole) il nastro adesivo usato per sigillare il pacco, e togliere gli eventuali strati protettivi (tipo cuscini d'aria o al limite, carta di giornale);

Fase 2 | A questo punto saremo pronti per estrarre il sacchetto contenente i nostri gamberetti dall'imballo: se li vediamo muoversi in modo "strano" o a scatti non dobbiamo preoccuparci dato che sono molto stressati dal viaggio che hanno compiuto (lo stesso dicasi per i colori che possono presentarsi sbiaditi). Bisogna però fare una doverosa puntualizzazione: di solito, quando si compra da allevatori professionisti e aziende specializzate, per la spedizione usano sacchetti di plastica "traspiranti". In altre parole questi sacchetti, visto i tempi di spedizione, permettono all'ossigeno di entrare mentre la CO2 viene espulsa. In questo caso bisogna fare molta attenzione dato che immergendo direttamente questo tipo di sacchetto nelle nostre vasche il pericolo di inquinamento ma soprattutto dello scambio di acqua (e quindi il repentino cambio di valori) è altissimo. Per questo motivo Caridine.it consiglia, anche quando non si è sicuri di quale sacchetto sia stato utilizzato per il trasporto, di inserirlo in un sacchetto di plastica per alimenti e che comunemente usiamo nei nostri frigoriferi, per evitare qualunque problema. Sia chiaro che quanto detto in questo paragrafo vale anche per gli acquisti fatti dal negoziante e che spesso non usano imballi in polistirolo;

Fase 3 | A questo punto tagliamo il sacchetto subito sotto il nodo e, se presente all'interno, togliere il muschio facendo molta attenzione a non tirare fuori alcun gamberetto, dato che potrebbero rimanere aggrappati alla piantina. Ora, sempre con molta attenzione, bisogna inserire il sacchetto all'interno della vasca: per tenere fermo il sacchetto e per non farlo capovolgere consigliamo di inserirlo in un angolo e tenerlo fermo con l'aiuto di due molle da stendipanno, una per lato;

Fase 4 | Inizia la fase più delicata: dopo una decina di minuti dall'inserimento del sacchetto nella vasca la temperatura si adeguerà a quella dell'acquario. Ora possiamo iniziare ad inserire piccole quantità di acqua dell'acquario (nell'ordine di un normale bicchiere monouso in plastica) ogni 10 minuti fino a quando la quantità versata sarà uguale a quella presente nel sacchetto all'inizio dell'operazione;

Fase 5 | Una volta eseguito il punto 4 (si consiglia di fare il tutto in 40 - 45 minuti) possiamo trasferire i gamberetti dal sacchetto nella nostra vasca: con l'aiuto di un retino di dimensioni non eccessive e molta pazienza, peschiamo i gamberetti dal sacchetto e inseriamoli nella vasca. Caridine.it raccomanda di essere molto delicati nell'eseguire questa operazione per evitare di impaurire i gamberetti, già molto stressati dal trasferimento. Dopo aver terminato l'operazione di inserimento non bisogna assolutamente versare l'acqua del sacchetto nella vasca (l'acqua di trasporto infatti è piena di escrementi e sostanze inquinanti prodotte dai pesci);

Fase 6 | Una volta che i gamberetti sono stati inseriti nella vasca hanno bisogno di qualche ora per ambientarsi completamente quindi può passare un pò ti tempo prima che si alimentino e inizino a rovistare, quindi non preoccupatevi.

Seguendo questi pochi e semplici consigli i vostri gamberetti non dovrebbero avere problemi di ambientamento: naturalmente Caridine.it non è responsabile per eventuali problemi che potrebbero sorgere.


© Caridine.it

Copyright © 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 Caridine.it
Tutte le immagini, i nomi, i loghi e i marchi utilizzati in questo sito sono Copyright e TM dei rispettivi proprietari.
Caridine.it - http://www.caridine.it - non e' legato in alcun modo con aziende e/o organizzazioni.
Questo sito web non rappresenta una testata giornalistica perche' viene aggiornato senza alcuna periodicita' fissa.
Non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.