Logo Aquarium Shrimp House
DOSI SALI SERA PER CAMBIO SETTIMANALE - post di leunamvr del 20 mag 2018, 23:34
Riproduzione difficile - post di leunamvr del 20 mag 2018, 23:07
Fondo, piante e arredi - post di simonefusano del 20 mag 2018, 08:05
Upgrade vasca CRS, juwel rio 125. - post di paliotto82 del 18 mag 2018, 10:41
notizie Aura blu! - post di rino9 del 12 mag 2018, 18:27
[TOPIC UFFICIALE] Concorso Fotografico - post di Ener del 07 mag 2018, 14:31
Progettazione caridinaio - post di mrcoppola del 07 mag 2018, 14:19
[TOPIC UFFICIALE] 2° Italian Shrimp contest - post di rino9 del 04 mag 2018, 16:24
Acqua scura!! - post di satriani90 del 29 apr 2018, 14:57
Organismi estranei in acquario!! Piccola “giuda” - post di mrcoppola del 24 apr 2018, 10:44
Caridinaio senza filtro e senza pompa:è possibile? - post di mrcoppola del 23 apr 2018, 15:48
Consigli per iniziare da zero! Filtro/luce! - post di mrcoppola del 23 apr 2018, 15:41
Il mio primo caridinaio - post di mrcoppola del 23 apr 2018, 15:39
dosaggio Shrimplab NeoCaridina GH/KH+ Minerals - post di satriani90 del 23 apr 2018, 07:46
il mio primo cardinaio - post di satriani90 del 22 apr 2018, 16:59
16 litri per caridine - post di satriani90 del 22 apr 2018, 16:56
AAA!!! Aiuto per Sulawesi! - post di Marco Sitzia del 10 apr 2018, 19:40
Marsilea hirsuta fondo inerte senza fertilizzanti - post di gianni.gt del 07 apr 2018, 23:30
Uso​ pietre​ montmorillonite​ per caridinaio - post di mrcoppola del 07 apr 2018, 19:05

L'anatomia delle Caridine e Neocaridine

scritto da Caridine.it il 29 agosto 2008

In linea generale tutte le specie di Caridine e Neocaridine presentano struttura corporia simile. L'intero corpo è ricoperto da una "corazza" molto resistente e solida, chiamata esoscheletro e formato da chitina (azoto e sali minerali). L'esoscheletro, per consentire la crescita dei gamberetti, subisce periodicamente una "muta": quando non è più sufficientemente grande, l'esemplare lo lascia cadere per poi formarne uno nuovo. Nel periodo compreso tra il rilascio del precedente e la completa formazione di quello nuovo, il gamberetto è vulnerabile in caso di attacchi dato che l'indurimento avviene in maniera lenta.


Per comodità e per maggiore chiarezza sulle parti anatomiche, si usa "dividere" il corpo di un gamberetto in due parti: il Cefalotorace (di colore azzurro nella nostra illustrazione) e Addome (di colore giallo).


E' la fusione tra testa e torace. La parte centrale è chiamata carapace (cioè un guscio molto duro, anch'esso formato da chitina) e contiene tutti gli organi: cervello, cuore, stomaco, vescica natatoria, testicoli (nei maschi) e la sacca ovarica (negli esemplari femminili). Al di sotto del carapace ci sono 5 paia di appendici denominate pereiopodi di cui 4 servono per muoversi e l'altra ha all'estremità le chele: quest'ultime raccolgono il cibo e lo portano ai massillipedi, due appendici al di sopra dei pereiopodi, che a loro volta lo trasportano fino alla bocca. Al di sopra della bocca ci sono gli occhi e poi tre paia di antenne: sono, forse, le parti anatomiche più importanti e delicate. Le antenne infatti servono sia per ricercare il cibo ma anche per il tatto, per orientarsi e per muoversi in modo corretto. Al di sopra delle antenne è presente il rostro, più o meno sviluppato a secondo della specie e molto robusto, usato dai gamberetti per difendersi da eventuali attacchi predatori.


L'addome è la parte posteriore del corpo del gamberetto: è formato da segmenti addominali. Ogni segmento è dotato di un paio di appendici dette pleopodi che servono per nuotare: negli esemplari femminili però hanno doppia funzione in quanto ospitano e ossigenano continuamente le uova dopo la fecondazione. La parte terminale dei segmenti addominali è il telson, o coda, alla cui estremità sono presenti gli uropodi che formano il caratteristico "ventaglio".


© Caridine.it

Copyright © 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018 Caridine.it
Tutte le immagini, i nomi, i loghi e i marchi utilizzati in questo sito sono Copyright e TM dei rispettivi proprietari.
Questo sito web non rappresenta una testata giornalistica perché viene aggiornato senza alcuna periodicità fissa.
Non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Privacy e Cookie Policy