Filtro esterno con tubo di aspirazione - post di botzoo del 28 apr 2017, 22:59
Red cherry e Babaulti Green - post di lore89 del 28 apr 2017, 20:42
conduttività - post di rino9 del 27 apr 2017, 19:54
Mini acquario?? - post di rino9 del 23 apr 2017, 20:18
Caridine e betta. - post di rino9 del 18 apr 2017, 19:34
Caridine verdi e red cherry - post di rino9 del 16 apr 2017, 20:22
escrescenza tra gli occhi - post di rino9 del 16 apr 2017, 20:07
Red Crystal non si riproducono - post di rino9 del 16 apr 2017, 19:49
Cherax. - post di nib79 del 16 apr 2017, 18:15
55 litri Davidi Yellow Fire - post di HeadShot__94 del 15 apr 2017, 22:35
Cambio fondo allofano - post di redwhyte del 10 apr 2017, 16:32
Difficoltà con baby Taiwan Bee - post di Emisauro del 08 apr 2017, 10:54
Strane macchie sui vetri - post di Koreano del 06 apr 2017, 22:15
Descrizione vasca e richiesta consigli - post di darin del 06 apr 2017, 07:04
Mosura bt-9 dosaggi - post di daniud86 del 29 mar 2017, 20:55
Sostituisco Eden? - post di Sakurambo del 29 mar 2017, 11:40
è possibile una vasca in autogestione? - post di Sentoriu del 04 mar 2017, 20:32
Caridine ... qualcosa non va - post di shrimpred del 04 mar 2017, 12:56
Informazione convivenza e ibridazione - post di Pooka del 01 mar 2017, 16:36

L'anatomia delle Caridine e Neocaridine

scritto da Caridine.it il 29 agosto 2008

In linea generale tutte le specie di Caridine e Neocaridine presentano struttura corporia simile. L'intero corpo è ricoperto da una "corazza" molto resistente e solida, chiamata esoscheletro e formato da chitina (azoto e sali minerali). L'esoscheletro, per consentire la crescita dei gamberetti, subisce periodicamente una "muta": quando non è più sufficientemente grande, l'esemplare lo lascia cadere per poi formarne uno nuovo. Nel periodo compreso tra il rilascio del precedente e la completa formazione di quello nuovo, il gamberetto è vulnerabile in caso di attacchi dato che l'indurimento avviene in maniera lenta.


Per comodità e per maggiore chiarezza sulle parti anatomiche, si usa "dividere" il corpo di un gamberetto in due parti: il Cefalotorace (di colore azzurro nella nostra illustrazione) e Addome (di colore giallo).


E' la fusione tra testa e torace. La parte centrale è chiamata carapace (cioè un guscio molto duro, anch'esso formato da chitina) e contiene tutti gli organi: cervello, cuore, stomaco, vescica natatoria, testicoli (nei maschi) e la sacca ovarica (negli esemplari femminili). Al di sotto del carapace ci sono 5 paia di appendici denominate pereiopodi di cui 4 servono per muoversi e l'altra ha all'estremità le chele: quest'ultime raccolgono il cibo e lo portano ai massillipedi, due appendici al di sopra dei pereiopodi, che a loro volta lo trasportano fino alla bocca. Al di sopra della bocca ci sono gli occhi e poi tre paia di antenne: sono, forse, le parti anatomiche più importanti e delicate. Le antenne infatti servono sia per ricercare il cibo ma anche per il tatto, per orientarsi e per muoversi in modo corretto. Al di sopra delle antenne è presente il rostro, più o meno sviluppato a secondo della specie e molto robusto, usato dai gamberetti per difendersi da eventuali attacchi predatori.


L'addome è la parte posteriore del corpo del gamberetto: è formato da segmenti addominali. Ogni segmento è dotato di un paio di appendici dette pleopodi che servono per nuotare: negli esemplari femminili però hanno doppia funzione in quanto ospitano e ossigenano continuamente le uova dopo la fecondazione. La parte terminale dei segmenti addominali è il telson, o coda, alla cui estremità sono presenti gli uropodi che formano il caratteristico "ventaglio".


© Caridine.it

Copyright © 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 Caridine.it
Tutte le immagini, i nomi, i loghi e i marchi utilizzati in questo sito sono Copyright e TM dei rispettivi proprietari.
Caridine.it - http://www.caridine.it - non e' legato in alcun modo con aziende e/o organizzazioni.
Questo sito web non rappresenta una testata giornalistica perche' viene aggiornato senza alcuna periodicita' fissa.
Non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.