Nuovo acquario - post di Moreno del 17 ago 2017, 23:21
Impianto forwater dopo aquili ma stessi valori :-( - post di Moreno del 17 ago 2017, 23:01
Sbagliando si impara...o no? - post di Moreno del 17 ago 2017, 21:34
90x45x45 con red cherry; sweglesi si o no? - post di -ale- del 09 ago 2017, 22:12
Piante di Ontano Pignette - post di Koreano del 06 ago 2017, 09:36
Domanda su decessi Crystal Red - post di stefano1795 del 05 ago 2017, 18:40
rendo shrimp - post di satriani90 del 01 ago 2017, 14:44
CARIDINAIO DA ZERO - post di Banzaiii del 30 lug 2017, 20:51
Consiglio convivenza caridine - post di stefano1795 del 28 lug 2017, 14:39
caridina japonica che non depone le uova - post di satriani90 del 27 lug 2017, 12:04
Vaso... vediamo cosa ne esce... - post di Igua del 07 lug 2017, 11:27
Valori acqua con sali Salty Shrimps Mineral GH/KH+ - post di satriani90 del 07 lug 2017, 08:32
Piccola guida sulle malattie - post di squalo86 del 06 lug 2017, 22:45
La Guida Tascabile di Caridine.it - 4° edizione - post di LaPergue01 del 03 lug 2017, 14:03
Impianto forwater dopo aquili ma stessi risultati pessimi :- - post di satriani90 del 28 giu 2017, 08:08
Red cherry muoiono con valori dell'acqua giusti - post di satriani90 del 22 giu 2017, 15:24
Red cherry e Babaulti Green - post di Monettamid del 11 giu 2017, 11:32
Test e valori: piccola guida - post di satriani90 del 10 giu 2017, 15:29
Caridine verdi e red cherry - post di Monettamid del 10 giu 2017, 14:34

Allevare le Dennerli - L'acqua della vasca

scritto da Emanuele Calandra (aka scimmietti) il 01 ottobre 2010

Per quanto riguarda l’acqua da utilizzare io consiglierei di usare solamente acqua d’osmosi opportunamente preparata con dei sali specifici. L’acqua di rubinetto purtroppo risulta sempre un incognita: eccovi 4 buoni motivi per non usarla!

NUMERO 1 | Può avere alte percentuali di metalli pesanti (come ferro o rame) presenti non solo intrinsecamente nell’acqua stessa ma derivanti da tubature o dall’impianto idrico in generale. Ricordo che ferro, rame e metalli pesanti presenti in vasca sono nocivi per i crostacei d’acqua dolce.

NUMERO 2 | È un’acqua clorata e il cloro, essendo un disinfettante, non fa certo bene in un ecosistema che va avanti anche grazie ad una flora microbica e batterica ben sviluppata.

NUMERO 3 | Anche se, usando vari test, si osservano valori di acqua idonei ciò non vuol dire che questi valori siano sempre uguali. Specialmente in certi periodi dell’anno negli acquedotti vengono rilasciati disinfettanti particolarmente potenti o vengono aumentate le percentuali di cloro. Quindi, se ad esempio, a maggio l’acqua di rubinetto può esservi apparsa “buona” ciò non vuol dire che lo sarà ad agosto o in qualche altro periodo dell’anno.

NUMERO 4 | Difficilmente l’acqua di rubinetto ha i valori da noi desiderati ( in questo caso gH sugli 8-9 a un ph 7,5-8 ) ciò comporta in ogni caso il taglio dell’acqua con acqua osmosi. Per altro fare un buon dosaggio tra acqua di rubinetto e acqua osmosi non è sempre comodo e facile.

Io uso solamente acqua ottenuta per osmosi inversa alla quale aggiungo dei Sali per correggere i valori di gH e kH che in acqua osmosi sono pari a 0 o quasi. In particolare utilizzo i Sali della SHG che non hanno come punto di forza l’immediata solubilità ma per lo meno danno i valori d’acqua desiderati in modo alquanto preciso.



In confezione il dosaggio indicato è di un misurino intero (incluso in confezione) da sciogliere in 20 litri d’acqua osmosi per ottenere un’acqua con kH= 3° e un gH= 7°: in realtà con un misurino esce fuori un’acqua con kH= 3° ma con gH pari a 5° - 6°. Quindi in 20 litri io sciolgo un cucchiaino e mezzo per ottenere un’acqua perfetta a kH=4 e gH=8°- 9° ottima per le Dennerli.







Questa nel bidone da 20 litri è ovviamente l’acqua d’osmosi nella quale sciogliere i Sali ben 48 ore prima di utilizzarla per un cambio. Piccolo accorgimento per far sciogliere bene i Sali può essere quello di portare nel bidone un tubo di areatore, collegato a una porosa, così da smuovere l’acqua costantemente e permettere nello stesso tempo una buona ossigenazione di quest’ultima.

Tengo anche un bidone solo con acqua osmosi da utilizzare per i rabbocchi necessari a causa dell’evaporazione che si presenta spesso soprattutto se la vasca è una vasca aperta come la mia.

Passiamo alla temperatura dell'acqua: le Dennerli amano il caldo!

Come scritto in precedenza, nel loro biotopo vivono quasi sempre a temperature che si aggirano sui 28-29 gradi. Di conseguenza in acquario dobbiamo garantire, estate ed inverno, temperature abbastanza alte.

Nel periodo estivo non è necessario installare in vasca ventole di raffreddamento o refrigeratori in quanto mediamente anche nei periodi più caldi la temperatura delle vasche molto difficilmente superano i 29 gradi. Ovviamente se si tiene la vasca in luoghi particolarmente caldi dove la temperatura dell’acqua arriva a superare i 30-35 gradi risulta necessario abbassarla un po’ magari con qualche ventola di raffreddamento.

È invece d’obbligo installare in vasca un riscaldatore abbastanza prestante. Nella mia vasca da 40 litri ho installato un riscaldatore di 100 watt.



Un po’ sovradimensionato magari, visto che con 100 watt la maggior parte delle case produttrici indica coperto un acquario di 70-80 litri, ma vista l’importanza della temperatura alta e costante di cui necessitano queste Caridine ho preferito installare un riscaldatore più potente così da farlo lavorare più agevolmente in soli 40 litri ed evitare sbalzi di temperatura anche in inverni particolarmente rigidi.



__________________________________________

L'allestimento della vasca
Il filtro della vasca
L'illuminazione della vasca
La flora della vasca
L'acqua della vasca
Gestione della vasca
Il cambio d'acqua


__________________________________________


Testo e foto di Emanuele Calandra (aka scimmietti).
Per contattare l'autore di quest'articolo clicca qui.



© Caridine.it

Copyright © 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 Caridine.it
Tutte le immagini, i nomi, i loghi e i marchi utilizzati in questo sito sono Copyright e TM dei rispettivi proprietari.
Caridine.it - http://www.caridine.it - non e' legato in alcun modo con aziende e/o organizzazioni.
Questo sito web non rappresenta una testata giornalistica perche' viene aggiornato senza alcuna periodicita' fissa.
Non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.