dosaggio Shrimplab NeoCaridina GH/KH+ Minerals - post di pegi del 15 dic 2017, 23:43
Nuovo caridinaio da 30 litri appena avviato - post di ClaBosUD del 15 dic 2017, 22:30
Rili di diverso colore - post di satriani90 del 14 dic 2017, 19:25
Iniziamo!! - post di satriani90 del 13 dic 2017, 08:53
Caridinaio 30L - post di satriani90 del 12 dic 2017, 15:55
Aiuto!!!! - post di satriani90 del 06 dic 2017, 22:02
substrato inerte - post di satriani90 del 04 dic 2017, 12:59
Fertilizzante Seachem - post di Vinx70 del 04 dic 2017, 11:47
neritine e caridine - post di satriani90 del 29 nov 2017, 19:50
il potassio aumenta la conducibilità?? - post di satriani90 del 29 nov 2017, 09:28
zucchine lesse - post di Salvo AoC del 28 nov 2017, 10:58
Accoppiamento di Caridine - post di Salvo AoC del 28 nov 2017, 04:44
Planarie? - post di Salvo AoC del 27 nov 2017, 04:31
protocollo easy life red cherry yellow - post di satriani90 del 19 nov 2017, 09:18
Progetto Sulawesi - post di vincenzoenzo del 18 nov 2017, 00:08
Inizio caridinaio - post di satriani90 del 15 nov 2017, 19:39
sabbia per dennerli - post di marcello del 12 nov 2017, 18:56
Vermetti bianchi hanno invaso la mia nuova vasca.. - post di satriani90 del 07 nov 2017, 17:07
Valori acqua - post di Mauro73 del 04 nov 2017, 00:48

Allevare le Dennerli - Conclusioni

scritto da Emanuele Calandra (aka scimmietti) il 01 ottobre 2010

Ho allevato varie specie di Caridina e Neocaridina, ma in nessuna specie ho riscontrato un comportamento così naturale come quello assunto delle Dennerli. Credo che un acquariofilo riesca ad apprezzare essenzialmente questa caratteristica in questa specie, oltre ai suoi colori veramente straordinari.

È una specie “semplice” da allevare, come avete potuto dedurre da queste pagine che raccontano la mia esperienza. Soprattutto con esemplari di cattività basta dedicare un po’ di tempo e prendere alcuni piccoli accorgimenti sia in fase di progettazione della vasca che di manutenzione dell’ecosistema creato, per riuscire a tirar su una bella colonia.

Consiglio un po’ più d’attenzione da dedicare agli esemplari wild (quelli che arrivano nelle nostre vasche direttamente dal luogo di cattura) soprattutto nell’acclimatazione, ma anche in questo caso se tutto viene fatto a regola d’arte e con l’impegno di capire questa specie vedrete che anche in questo caso, proprio com’è capitato nel mio, riuscirete a metter su una colonia partendo anche da esemplari wild.

Il loro punto di forza è sicuramente la robustezza, sfoderando un’ottima capacità (una volta ambientate) di adattarsi e resistere a vari sbalzi che possono presentarsi in un ecosistema cosi piccolo come quello ricreato in vasca.

Neo di questa specie risulta la lenta riproduzione e il basso numero di esemplari nati ad ogni schiusa e l’evidente sofferenza se tenute a temperature basse.

Specie robusta anche per il neofita che si affaccia al mondo degli invertebrati d’acqua dolce anche se in realtà, viste la difficoltà nel reperire questa specie e gli elevati prezzi degli esemplari, consiglierei per inziare, delle specie più reperibili e meno costose, vedi Red cherry, White perl e Yellow, così da fare anche un po’ di pratica ed imparare dagli errori più o meno comuni che si commettono facilmente quando si è alle prime armi.

Concludendo: dalla mia piccola esperienza posso consigliare questa specie ad un acquariofilo sicuramente preparato e responsabile che si rivolge agli aspetti più naturali dell’acquariofilia.


RINGRAZIAMENTI

Primo ringraziamento doveroso va ai miei familiari i quali non hanno ancora provveduto a buttarmi fuori di casa viste le 5 vasche che tengo in stanza... con conseguente consumo di elettricità da parte dei vari filtri riscaldatori e plafoniere :)

Voglio ringraziare Alberico Petruzziello il quale mi ha spinto a realizzare questo articolo appoggiandomi sempre e condividendo sempre con me questa splendida passione. Avendo per altro il merito di aver messo su davvero un ottimo sito (Caridine.it) che rende possibile approfondire questa passione per i crostacei d’acqua dolce.

Ringrazio anche tutti gli utenti del forum Caridine.it in special modo Marco Sitzia con il quale ormai c’è un bel rapporto di collaborazione e il quale mi ha illuminato su alcuni aspetti dell’ambiente sulawesiano e molto altro.

Ultimo ringraziamento, ma non per questo il meno importante, va a tutti quegli appassionati e allevatori che si spendono in questa passione e che acquistano nuove specie, spesso irreperibili nel territorio italiano, per poi riprodurle e renderle fruibili a tutti quegli appassionati che magari non hanno la fortuna di conoscere particolari canali di approvvigionamento o semplicemente non hanno la possibilità di potervi accedere.


__________________________________________


Testo di Emanuele Calandra (aka scimmietti).
Per contattare l'autore di quest'articolo clicca qui.



© Caridine.it

Copyright © 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 Caridine.it
Tutte le immagini, i nomi, i loghi e i marchi utilizzati in questo sito sono Copyright e TM dei rispettivi proprietari.
Caridine.it - http://www.caridine.it - non e' legato in alcun modo con aziende e/o organizzazioni.
Questo sito web non rappresenta una testata giornalistica perche' viene aggiornato senza alcuna periodicita' fissa.
Non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.